“Racconti Fotografici” Numero 201: intervista a Pompeo Limongelli

Bentornati a “Racconti Fotografici” eccoci alla 201° edizione , oggi intervistiamo il fotografo Pompeo Limongelli, buona lettura.

Ti puoi presentare per gli amici che ancora non ti conoscono?

Ciao, sono Pompeo, ho 55 anni, sono nato a Benevento ma vivo con la mia famiglia in provincia di Milano da 37 anni.

Sono dirigente d’azienda ed opero nel settore dell’information technology.

Da sempre ho coltivato l’hobby della fotografia, che di fatto nel tempo si è trasformata anche in professione, sebbene a tempo parziale.

Mi piace andare in moto, amo gli spazi aperti, sono curioso di scoprire e visitare luoghi nuovi, la natura in tutte le sue forme e colori, la montagna e la voglia di trasmettere emozioni.

Ad Agosto e Dicembre del 2006 sono stati selezionati e pubblicati alcuni miei scatti sulla rivista professionale “Il Fotografo”. A settembre del 2009, due miei scatti sono stati selezionati e premiati in occasione di un contest indetto dal Consorzio Turistico dell’Alta Badia e successivamente esposti in una galleria allestita in occasione della coppa del mondo di sci. Ho avuto diversi riconoscimenti da gruppi fotografici presenti sui vari social in cui pubblico alcuni dei miei scatti.

Inizialmente ho seguito corsi di fotografia e Work Shop con fotografi professionisti, perfezionando sempre di più la mia tecnica. Prediligo la fotografia naturalistica, quella sportiva e paesaggistica, anche se, per indole, mi piace sempre mettermi alla prova con qualsiasi tipo di esperienza.

Da piccolo cosa sognavi di fare?

Ho praticato tanti sport, alcuni anche a livello agonistico (calcio, tennis, scherma, pallavolo). Dopo la maturità sognavo di fare l’architetto d’interni, ma poi, la decisione di trasferirmi a Milano all’età di 18 anni – incoraggiato da un caro zio – mi ha permesso di catapultarmi nel mondo dell’informatica, in pieno boom in quegli anni.

La prima foto che hai scattato?

Non ricordo, ma ricordo benissimo il mio primo corpo macchina reflex, una OLYMPUS OM-3 con un obiettivo da 50mm ed uno zoom da 200mm. Fotografavo qualsiasi cosa, catturavo qualsiasi momento, luogo o ritratto famigliare vissuto.

Quali sono i fotografi a cui ti ispiri e perché?

Ne ammiro diversi, alcuni famosi altri meno noti, personalmente ho avuto il piacere di conoscerne qualcuno, mi piace sempre valutare le loro particolari scelte stilistiche.

 

 

 

Cosa non è per te la fotografia?

Tutto ciò che non è fotografia!

Qual’è la sfida di ogni scatto?

Catturare in quei pochi secondi disponibili l’emozione che io sto vivendo, per poterla poi trasferire in tutto il suo vigore a chi guarderà successivamente il mio fotogramma. Ogni volta che sono in una location continuo a catturare scatti dello stesso soggetto al variare della luce e della prospettiva, voglio immortale ogni emozione per poi decidere quella con maggiore intensità.

Che cos’è la curiosità?

E’ la capacità di volersi mettere sempre in discussione, avere la voglia di scoprire cose nuove.

Chi o cosa ti piacerebbe fotografare?

Ciò che non sono riuscito ancora a fare.

Alcuni scatti sicuramente raggiungibili, altri meno.

Alcuni esempi: un orso polare, l’aurora boreale, una coda di balena che si inabissa, un salto di delfini in mare aperto, degli orsi a caccia di salmoni, un’aquila reale con una preda, un gipeto in caccia, una pernice in muta invernale, un gallo cedrone, il mare di nuvole immortalato da una vetta di una montagna, un reportage alle isole Lofoten, i ghiacci dell’Artico.

Qual’è il tuo prossimo progetto?

Influenzato dal periodo attuale in cui siamo stati toccati dall’insorgere di una pandemia, vorrei provare a cimentarmi nella ritrattistica ambientata, lavorando su qualche tema sociale specifico. Non l’ho mai fatto!

 

Che difficoltà hai incontrato lungo il tuo percorso?

A volte il poco tempo a disposizione per poter sviluppare e realizzare idee.

Che cosa è necessario per poter cogliere l’attimo giusto?

La perseveranza, il sacrificio, lo studio che precede gli scatti.

Che rapporto cerchi di instaurare con le persone/soggetti che vuoi ritrarre?

Nei miei generi fotografici preferiti, normalmente ho poca possibilità di interagire con le persone; per quanto riguarda la fauna ed il paesaggio mi documento per poter preparare al meglio la sessione di scatti successivi oltre che per rispettare le abitudini e gli habitat delle specie che fotografo.

Cosa ha influenzato il tuo stile?

Il mio stile è stato influenzato dalla necessità costante di voler vedere e cercare emozioni, per poi ritrasmetterle all’osservatore. Ho tanti stili, e lo si evince dalla selezione dei miei 6 scatti riproposti nell’intervista, mi piace sempre sperimentare, prediligo l’azione, lavorare con frazioni di secondi almeno a tre cifre!

Quali sono i problemi che riscontri oggi nel fotografare?

Per il mio genere nessuno in particolare, anche se non è trascurabile l’aspetto privacy nel momento in cui gli obbiettivi vengono diretti verso le persone.

Ci racconti un tuo aneddoto particolare o simpatico?

Ho partecipato, diversi anni fa, ad un workshop fotografico nella foresta bavarese di Bayerischer Wald (GERMANIA) con un fotografo professionista ed un gruppo di amici.

Tre giorni di freddo e neve fitta, da mattina a sera, immersi nella foresta ad aspettare – in totale sicurezza – l’arrivo di un branco di lupi.

All’epoca utilizzavo ottiche e corpi macchina non tropicalizzati, all’arrivo del branco, tutti a “rafficare” per immortalare le gesta di questi magnifici animali. Nel più bello della scena, ecco che il mio meraviglioso 300 2.8 duplicato iniziava ad appannarsi, dal mirino della macchina non vedevo più nulla, davanti ai miei occhi si alternavano le immagini di un branco di lupi affamato ed intento a litigarsi il pranzo. Come potete immaginare quei preziosi scatti, erano a beneficio solo di pochi, io invece, a quel punto, disperato, mi vedevo costretto a “rosicare” e ad invidiare i miei cari amici di merenda.

Da lì ho capito l’importanza di dotarsi di attrezzatura professionale!

link sito personale

https://limongelliphoto.jimdofree.com/

link Instagram

https://www.instagram.com/pompeo.limongelli/?hl=it

 

Commenti
Guarda anche...
Bentornati a “Racconti Fotografici” eccoci alla 200° edizione , oggi…
Translate »