“Racconti Fotografici” Numero 290: intervista a Vanda Bodoardo

Bentornati a “Racconti Fotografici” . Eccoci alla 290° edizione: oggi intervistiamo la fotografa Vanda Bodoardo, buona lettura.

Ti puoi presentare per gli amici che ancora non ti conoscono ?

Ciao a tutti. Mi chiamo Vanda Bodoardo e sono un fotografo amatoriale di Torino. Sono in pensione e attendo con ansia che ci si possa nuovamente muovere, sia per poter scattare qualche foto, sia perché significherebbe che la situazione sanitaria è migliorata. Sono una paesaggista, ma mi piacerebbe esplorare anche altro …  vedremo in futuro.

Da piccolo cosa sognavi di fare?

I miei sogni spaziavano dalla danza al canto per finire poi a lavorare in uno studio di commercialisti

La prima foto che hai scattato?

Se ricordo bene ho fotografato i bellissimi gerani che mia mamma coltivava sul suo balcone e  a cui teneva moltissimo, tanto da volerli ricordare anche quando erano sfioriti.

Quali sono i fotografi a cui ti ispiri e perchè ?

Non mi ispiro a nessuno, ho sempre amato Steve Mc Curry.

Qual e` la sfida di ogni scatto?

Emozionare chi lo guarda …… riuscirci sarebbe un grande successo.

Chi o cosa ti piacerebbe fotografare ?

Il mio sogno è stata sempre l’aurora boreale, sogno che ho realizzato alle Lofoten Islands. Una emozione indescrivibile … bisogna viverla …

Qual e` il tuo prossimo progetto?

Tornerei volentieri alle Lofoten per la quarta volta … si scopre qualcosa di nuovo e meraviglioso.

Quali tappe hai attraversato per diventare il fotografo che sei oggi?

Ho sempre amato la fotografia … poi ho deciso di contattare un fotografo e fare un corso con lui. Francesco Russo è diventato il mio grande amicone e da anni partecipo ai workshop che lui organizza, siamo stati in Islanda, Norvegia, Transilvania, Dolomiti, Sud Italia, Andalusia, 5 terre, Scozia, Bretagna, Normandia, Slovenia ecc.

Che difficoltà hai incontrato lungo il tuo percorso?

Non ho incontrato difficoltà … la passione fa superare tutto.

Che cosa è necessario per poter cogliere l’attimo giusto?

Attendere che qualcosa scatti, ho ripetuto spesso il termine emozione, ma penso sia proprio l’emozione che ti fa cogliere l’attimo giusto.

Cosa ha influenzato il tuo stile?

La meravigliosa natura che il mondo ci offre.

Ci racconti un tuo aneddoto particolare o simpatico?

Non potendosi muovere e con il gattino che non sta fermo un attimo, ho fotografato i fili per stendere sul balcone … ho veramente toccato il fondo.

Buona luce a tutti!!

Link Personali:

https://www.viewbug.com/member/vandabodoardo

https://www.instagram.com/bodoardovanda/

https://www.facebook.com/vanda.bodoardo/

Commenti
Guarda anche...
Complimenti! La tua foto entra di diritto nelle TOP SELECTION…