“Racconti Fotografici” Numero 308: intervista a Fabio Cervi

Bentornati a “Racconti Fotografici” . Eccoci alla 308° edizione: oggi intervistiamo il fotografo Fabio Cervi, buona lettura.

Ti puoi presentare per gli amici che ancora non ti conoscono?

Ciao, mi chiamo Fabio Cervi, sono nato nel 1956 e abito in provincia di Reggio Emilia. Fotografo a fasi alterne dal 1978. La mia prima macchina fotografica è stata una piccola Hanimex 110, per poi passare alle mitiche Olympus OM1, OM1n, OM2 e OM2n. Dopo una pausa di vari anni, nel 2007 sono passato al digitale con l’Olympus E300 (una ciofeca, ma allora non lo sapevo). Il salto di qualità è arrivato nel 2014, quando ho acquistato la mia prima Full Frame, la Canon 6D, seguita nel 2018 dalla 5D Mark IV. Il tipo di  fotografia che preferisco è quella  naturalistica e di paesaggio, seguita dalla foto notturna. Ogni tanto mi dedico anche alla foto astratta/concettuale.

Da piccolo cosa sognavi di fare?

Come tutti i bambini maschi della mia epoca sognavo di fare l’ingegnere, o il cosmonauta. Già allora comunque mi interessavano molto le materie tecnico-scientifiche. Poi sono finito a fare tutt’altro (commerciale estero in una fabbrica metalmeccanica).

La prima foto che hai scattato?

Durante una vacanza a Londra nel 1978 con la suddetta Hanimex 110.

Quali sono i fotografi a cui ti ispiri e perché?

Non ho realmente fotografi di riferimento. In genere cerco di essere abbastanza autonomo nelle mie scelte.

Cosa non è per te la fotografia?

La fotografia non dovrebbe essere mai una riproduzione pedissequa della realtà, ma un’interpretazione mediata dalla propria esperienza e sensibilità.

Qual è la sfida di ogni scatto?

Cercare di mettere qualcosa di personale e originale in ogni foto.

Che cos’è la curiosità?

E’ l’elemento indispensabile per rinnovarsi continuamente.

Chi o cosa ti piacerebbe fotografare?

Mi piacerebbe iniziare a fare ritratti e foto astronomiche.

Qual è il tuo prossimo progetto?

Ho un progetto ancora allo stato embrionale e preferirei non parlarne per il momento.

Quali tappe hai attraversato per diventare il fotografo che sei oggi?

All’inizio scattavo solo le solite foto agli amici e ai posti che visitavo. In seguito ho cominciato a sentire l’esigenza di andare oltre e dare un significato a quello che facevo.

Che difficoltà hai incontrato lungo il tuo percorso?

La difficoltà maggiore è stata nello sviluppare una sensibilità e una creatività personali.

Quali esperienze decisive hai avuto nell’ambito fotografico?

Mi ha aiutato molto entrare in un gruppo fotografico e confrontarmi con gli altri membri del gruppo.

Che cosa è necessario per poter cogliere l’attimo giusto?

Molta sensibilità e una buona dose di fortuna.

Che rapporto cerchi di instaurare con le persone/soggetti che vuoi ritrarre?

Di solito non faccio ritratti.

 

Quali sono i problemi che riscontri oggi nel fotografare?

Non ho problemi particolari. Vorrei solo poter disporre di un budget maggiore per poter migliorare la mia attrezzaatura, soprattutto il parco ottiche.

Commenti
Guarda anche...
La settimana prossima sarà? Santa Rosa che ne dite di…